Riflessioni sul Vangelo di venerdì  1 gennaio solennità di  Maria Santissima Madre di Dio
Santuario Basilica Nostra Signora di Montallegro sito ufficiale Rapallo

Riflessioni sul Vangelo di venerdì 1 gennaio solennità di Maria Santissima Madre di Dio


Venerdì 1 gennaio

Iniziamo, con Maria, a meditare, a mettere insieme i pezzi, portando nel cuore gli eventi che accadranno per lasciarli illuminare da Dio. E l’augurio benedicente di Aronne ci augura, durante quest’anno, di vedere il volto sorridente di Dio (questo il significato del “far splendere il volto”) al di là e dentro gli eventi negativi che inevitabilmente vivremo.

Infine, in questa giornata che Paolo VI volle consacrata alla preghiera per la pace, in questo nostro mondo inquieto che non conosce pace, i discepoli del risorto, incontrando il Dio che pacifica il cuore, hanno il dovere di contagiare le persone che sono loro accanto con la pace che proviene da Cristo: non pacifisti acritici, ma pacificati.

Lc 2,16-21

I pastori andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro. Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.