Riflessioni sul Vangelo venerdì 28 febbraio
Santuario Basilica Nostra Signora di Montallegro sito ufficiale Rapallo

Riflessioni sul Vangelo venerdì 28 febbraio

Venerdì 28 febbraio

La musica è arte, se rimane fedele alla corrispondenza tra cuore e poesia. Solo così la musica è intonata alla vita: se ha questo "ritmo giusto". L’Incarnazione è il grande Mistero del Verbo che, fattosi storia, domanda di essere "il ritmo giusto" delle "mie storie". Allora l’incontro con Cristo si svela nella sua potenza sconvolgente e coinvolgente. Se da Cristo non dipende la mia agenda, posso fare le cose più sante, ma queste non faranno santa la mia storia. È troppo poco impegnarsi per capire come far stare Gesù nella mia giornata: la sfida è quella di fidarsi tanto da fare di Cristo il ritmo delle mie lancette.  E se LUI è il ritmo, allora ogni istante è musica.  

+ Vangelo di San Matteo [9,14-15]
In quel tempo, si avvicinarono a Gesù i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?». E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno».