Riflessioni sul Vangelo giovedì  16 gennaio
Santuario Basilica Nostra Signora di Montallegro sito ufficiale Rapallo

Riflessioni sul Vangelo giovedì 16 gennaio

giovedì 16 gennaio

Perché Dio ascolta questo lebbroso? Perché non ascolta molti altri che gridano a Lui? Beh, la risposta è semplice: è sbagliata la domanda! Perché non è tanto Dio quello che ascolta, ma il lebbroso; e questo mendicante di Salvezza non grida, ma supplica sommessamente. Perché l’unica cosa che possa davvero salvarci è l’Amore e l’Amore è uno sguardo rapito, un braccio disponibile, un passo fedele. L’Amore è chiedere «permesso», è perdere la propria volontà in quella dell’altro. L’Amore è iniziare sempre ogni respiro, ogni sguardo, ogni parola, ogni gesto, ogni progetto con una sola condizione: «se TU vuoi». Non è semplice educazione, è già Salvezza. 

 + Vangelo di San Marco [1,40-45]
In quel tempo, venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». E subito, la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito e gli disse: «Guarda di non dire niente a nessuno; va’, invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha prescritto, come testimonianza per loro». Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.