Riflessioni sul Vangelo domenica 10 novembre
Santuario Basilica Nostra Signora di Montallegro sito ufficiale Rapallo

Riflessioni sul Vangelo domenica 10 novembre

domenica 10 novembre

Forse una certa smania di “prendere” (la stessa che ci fa accontentare del premio di consolazione quando ci ritroviamo a “perdere”) non è altro che una malinconia di ciò che cerchiamo davvero. Desideriamo il Paradiso, ma finché siamo sulla terra ci pare doveroso “aggiustarci e aggiustarla”, per non sentire la malinconia di Dio. Però il Cielo si conquista non prendendo, ma amando. Perché non si tratta di avere chissà che, ma di riconoscere l’altro per chi è veramente: un angelo, una fetta di “già Cielo” accanto a me.  

Vangelo di San Luca [20,27-38]

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducèi - i quali dicono che non c’è risurrezione - e gli posero questa domanda: «Maestro, Mosè ci ha prescritto: "Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello". C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie». Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio. Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: "Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe". Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui».